Dall’8 febbraio 2018 al 7 ottobre 2018 le piccole e medie imprese e le start up italiane possono accedere a finanziamenti europei attraverso SME Instrument. La domanda deve essere tassativamente inviata online entro il termine indicato e riguarda l’accesso alla fase 1 di questo programma di finanziamento. Le risorse sono calcolate nella misura di circa 3 miliardi di euro, stanziati dalla Commissione europea per il periodo 2014 – 2020.

Vediamo più nel dettaglio quali sono le opportunità di SME Instrument per le PMI, come funziona e chi può beneficiarne.

Che cos’è SME Instrument

SME Instrument è un programma europeo di Horizon 2020. È dedicato alle piccole e medie imprese basate in Europa e impegnate nello sviluppo di innovazioni, siano esse di prodotto, di servizio, di processo o di business model. Le start up sono quindi inserite a pieno titolo fra i destinatari ideali di questo programma di finanziamento.

Lo scopo di SME Instrument è fornire un aiuto concreto per accrescere la competitività delle realtà innovative di piccole dimensioni sui mercati internazionali, trasformando nuove idee in soluzioni commerciabili. Per i beneficiari, il supporto andrà a coprire l’intero ciclo di innovazione fornendo anche un servizio di tutoraggio, coaching e accelerazione d’impresa.

L’azione di SME Instrument si articolerà nelle tre fasi seguenti:

  1. La fase 1, per cui sono attualmente aperte le domande, riguarda lo studio della fattibilità tecnico-commerciale dei progetti presentati.
  2. La fase 2 sarà invece incentrata sullo sviluppo dei prototipi su scala industriale con una prima applicazione sul mercato.
  3. La fase 3, infine, riguarderà la commercializzazione finale.

Chi può fare domanda per finanziamento SME Instrument e quali progetti sono ammessi

Il finanziamento SME Instrument può essere richiesto da una singola PMI o da un consorzio di PMI. Fornitori di ricerca o imprese più grandi possono essere coinvolte soltanto come terze parti.

Come già accennato, l’attenzione primaria di SME Instrument è rivolta ai progetti innovativi. Per beneficiare del finanziamento, questi dovranno dimostrare di essere fortemente orientati al mercato, di respiro internazionale e dall’alto potenziale di crescita.

Come funziona SME Instrument

Nel dettaglio, oltre ai servizi gratuiti di accelerazione di impresa e business coaching previsti nella fase 3, lo SME Instrument fornisce a ciascun progetto beneficiario il seguente supporto finanziario.

Per la fase 1 dedicata allo studio di fattibilità, una somma forfettaria di € 50.000 corrispondente a un co-finanziamento del 70% sul totale proposto. L’ammontare eleggibile sarà dunque di € 71.249. La somma sarà versata in due soluzioni tramite un prefinanziamento del 40% entro 30 giorni dalla delibera, e saldo entro 90 giorni dal ricevimento del report finale. Fra le attività che possono rientrare in tale finanziamento, vi sono anche le consulenze sulla proprietà intellettuale.

Per la fase 2 dedicata allo sviluppo, una sovvenzione da € 500.000 a un massimo di € 2,5 milioni. Non è preclusa la presentazione e selezione di proposte tarate su importi differenti, stante il fatto che la somma concessa andrà a coprire il 70% dei costi eleggibili. In via eccezionale, la somma potrà coprire il 100% laddove la componente di ricerca si dimostri fortemente presente.

Per maggiori informazioni su SME Instrument è possibile consultare il sito della Commissione europea alla pagina dedicata.

.

Tag:,