Non solo marchi, brevetti e diritto d’autore: quando si parla di prodotti tangibili, la protezione passa anche per la tutela dell’aspetto dei prodotti stessi. In pratica, ciò che oggi chiamiamo design. Gli strumenti volti a codificare e proteggere l’aspetto dei prodotti sono i disegni e i modelli.

Innanzitutto sono necessarie alcune precisazioni. Prima di tutto, affinché si parli di protezione di disegni e modelli, questi devono essere collegati per forza a un prodotto esistente. Senza un prodotto di riferimento, non ci può essere tutela. Poi bisogna chiarire cosa si intende per prodotto in questo frangente: qualsiasi oggetto industriale o artigianale completo dei suoi elementi caratterizzanti come linee, contorni, colori, materiali, forma e struttura. Rientrano fra gli oggetti tutelabili tramite disegni e modelli anche gli imballaggi, i simboli grafici e i caratteri, oltre a singole parti di prodotto che possono essere smontate e rimontate.

Prima di cominciare l’iter per ottenere la protezione di disegni e modelli e, nel caso, proseguire verso la loro registrazione, bisogna considerare altre due caratteristiche: la novità e il carattere individuale. Prima del disegno o modello in questione, infatti, non deve essere stato divulgato nessun altro disegno o modello identico. Anche la presenza di dettagli irrilevanti che differenziano di poco due disegni o modelli può pregiudicare il requisito di novità.

In merito a tale requisito, c’è comunque un’eccezione alla regola. È infatti ammessa la divulgazione di un disegno o di un modello durante i 12 mesi precedenti alla data di deposito della domanda per ottenere la tutela. Il tempo concesso può essere utile per testare le reazioni del mercato, ma allo stesso tempo può essere rischioso poiché espone il prodotto a una potenziale concorrenza sleale. Il carattere individuale, invece, è riconosciuto quando il disegno o modello in questione suscita nell’utilizzatore informato un’impressione diversa da quella suscitata da altri disegni o modelli precedenti.

Infine, è necessario che i disegni o i modelli presentati rispettino criteri di ordine pubblico e buon costume. Per questo motivo sono esclusi dalle procedure di protezione esemplari volti a riprodurre o promuovere violenza e discriminazioni. Considerando tutte le variabili in gioco, prima di procedere con l’iter per la protezione di disegni o modelli è sempre bene affidarsi alla consulenza di esperti in proprietà industriale e intellettuale per poter agire nel completo interesse del proprio business.

Tag:,