L’invenzione e l’elaborazione di un gioco o un gioco da tavolo può dare origine a un prodotto monetizzabile e commerciabile, che necessita quindi di una tutela. Tuttavia, identificare una strategia per ottenere la protezione per questo tipo di opere non è affatto immediato.

Nell’ordinamento statunitense è possibile depositare domanda di brevetto per un gioco da tavolo, ma in Europa la situazione è più frammentaria. Questo accade perché, allo stato attuale, non esiste una procedura specifica per ottenere questo tipo di tutela. L’inventore di un gioco o di un gioco da tavolo può tuttavia tentare alcune strade per ottenere una tutela della sua opera o di parti di essa.

Domanda per brevetto o modello di utilità

L’Articolo 45 del Codice di Proprietà Industriale chiarisce che non possono essere considerati come oggetto di brevetto per invenzione i piani, i principi ed i metodi per attività intellettuali, per gioco o per attività commerciale ed i programmi di elaboratore. Tale disposizione trova riscontro nella normativa comunitaria, precisamente nell’art. 52 della Convenzione europea sul brevetto.

Nonostante queste premesse, rimane sempre opportuno fare una valutazione caso per caso. Vi sono infatti specifiche situazioni in cui è possibile ricorrere a una protezione tramite brevetto o modello di utilità. Alcune componenti del gioco, infatti, potrebbero soddisfare i requisiti di novità, originalità ed applicazione industriale, e pertanto essere tutelabili tramite brevetto. Per esempio, è possibile depositare presso l’UIBM domanda di brevetto per il piano del gioco e alcune sue parti, solo nel caso in cui queste abbiano una funzione specifica all’interno del gioco.

>> Leggi il nostro approfondimento su cosa si può brevettare

Il Diritto d’Autore

La legge sul Diritto d’Autore non annovera esplicitamente il gioco nell’elenco delle opere protette. Tuttavia la giurisprudenza considera tale elenco come “esemplificativo e non esaustivo”, dunque c’è un maggiore margine di azione. Essendo il gioco un’opera dell’ingegno, il diritto d’autore può infatti venire in aiuto per ottenere di una forma di protezione.

La prima possibilità è appunto considerare il gioco nella sua globalità come un’opera dell’ingegno di carattere creativo. Per accertare la creatività devono sussistere caratteristiche di novità e originalità. Per novità si intende che gli elementi caratterizzanti del gioco devono essere diversi da quelli di giochi precedenti. Per originalità si intende invece un gioco frutto di un’attività non banale dell’ingegno umano.

La seconda possibilità è considerare il gioco nei singoli elementi che lo compongono. Aspetti come la grafica, i disegni, il tabellone, le regole, il nome dei personaggi possono essere depositati presso la SIAE. In questo modo, si può ottenere una tutela sulle singole parti per un tempo definito.

Registrazione del Marchio

Per rafforzare la protezione può rivelarsi opportuno registrare il nome del gioco come marchio. In questo modo, si creano un segno distintivo e un brand legato al prodotto. La registrazione del nome permette infatti di godere di un diritto di esclusiva sul segno, e impedisce ad altri di utilizzarlo per caratterizzare prodotti o opere simili. Questo tipo di tutela aiuta l’inventore del gioco o del gioco da tavolo a proteggere la sua opera da imitazioni e dalla concorrenza sleale. Inoltre, agevola le operazioni di concessione a terzi per produrre e commercializzare il gioco.

>> Leggi il nostro approfondimento sulla registrazione del marchio

Registrazione di disegni e modelli

Infine, è ragionevole considerare una terza strada, cioè la registrazione del design del gioco. In tal senso, è possibile proteggere la grafica e la forma dei componenti del gioco registrandoli come modello o disegno. Questo tipo di tutela ha benefici analoghi alla registrazione del nome attraverso il marchio. Proprio come questa, protegge l’opera dalle imitazioni della concorrenza e facilita la concessione a terzi (es. le case editrici) al fine di commercializzare il gioco e dunque monetizzare l’investimento.

>> Leggi il nostro approfondimento sulla registrazione di disegni e modelli

Alla luce delle varie possibilità, spesso la migliore strategia per “blindare” il gioco è proprio quella di cumulare le varie forme di protezione in modo da riservarsi un esclusiva su vari aspetti: il contenuto tecnico, l’estetica, le regole, il nome.

Tag:, , ,